Pacchetto sicurezza attacco finale di Berlusconi ai blogger e filtraggio della rete

06/02/2009 alle 21:44 | Pubblicato su media, politica, società | 28 commenti
Tag: , ,

L’attacco finale alla democrazia è iniziato! Berlusconi e i suoi sferrano il colpo definitivo alla libertà della rete internet per metterla sotto controllo. Ieri nel voto finale al Senato che ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (disegno di legge 733), tra gli altri provvedimenti scellerati come l’obbligo di denuncia per i medici dei pazienti che sono immigrati clandestini e la schedatura dei senta tetto, con un emendamento del senatore Gianpiero D’Alia (UDC), è stato introdotto larticolo 50-bis, “Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet“. Il testo la prossima settimana approderà alla Camera. E nel testo approdato alla Camera l’articolo è diventato il nr. 60.

Anche se il senatore Gianpiero D’Alia (UDC) non fa parte della maggioranza al Governo, questo la dice lunga sulla trasversalità del disegno liberticida della “Casta” che non vuole scollarsi dal potere.

In pratica se un qualunque cittadino che magari scrive un blog dovesse invitare a disobbedire a una legge che ritiene ingiusta, i provider dovranno bloccarlo. Questo provvedimento può obbligare i provider a oscurare un sito ovunque si trovi, anche se all’estero. Il Ministro dell’interno, in seguito a comunicazione dell’autorità giudiziaria, può disporre con proprio decreto l’interruzione della attività del blogger, ordinando ai fornitori di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine. L’attività di filtraggio imposta dovrebbe avvenire entro il termine di 24 ore. La violazione di tale obbligo comporta una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50.000 a euro 250.000 per i provider e il carcere per i blogger da 1 a 5 anni per l’istigazione a delinquere e per l’apologia di reato, da 6 mesi a 5 anni per l’istigazione alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico o all’odio fra le classi sociali. Immaginate come potrebbero essere ripuliti i motori di ricerca da tutti i link scomodi per la Casta con questa legge?

Si stanno dotando delle armi per bloccare in Italia Facebook, Youtube, il blog di Beppe Grillo e tutta l’informazione libera che viaggia in rete e che nel nostro Paese è ormai l’unica fonte informativa non censurata. Vi ricordo che il nostro è l’unico Paese al mondo, dove una media company, Mediaset, ha chiesto 500 milioni di risarcimento a YouTube. Vi rendete conto? Quindi il Governo interviene per l’ennesima volta, in una materia che vede un’impresa del presidente del Consiglio in conflitto giudiziario e d’interessi.

Dopo la proposta di legge Cassinelli e l’istituzione di una commissione contro la pirateria digitale e multimediale che tra poco meno di 60 giorni dovrà presentare al Parlamento un testo di legge su questa materia, questo emendamento al “pacchetto sicurezza” di fatto rende esplicito il progetto del Governo di “normalizzare” il fenomeno che intorno ad internet sta facendo crescere un sistema di relazioni e informazioni sempre più capillari che non si riesce a dominare.

Obama ha vinto le elezioni grazie ad internet? Chi non può farlo pensa bene di censurarlo e di far diventare l’Italia come la Cina e la Birmania.

Oggi gli unici media che hanno fatto rimbalzare questa notizia sono stati Beppe Grillo dalle colonne del suo blog e la rivista specializzata Punto Informatico. Fate girare questa notizia il più possibile. E’ ora di svegliare le coscienze addormentate degli italiani.  E’ in gioco davvero la democrazia!

Il 29 aprile scorso alla Camera l’emendamento D’Alia è stato abrogato, ma un’altra insidia per la libertà dell’informazione è all’orizzonte: il diritto di rettifica su internet entro 48 ore su tutti i siti web, previsto nel ddl 1451a ALFANO sulle intercettazioni. Il comma 28 lettera A dell’art. 1 recita infatti: “per i siti informatici, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono”. Chi non rispetterà la norma sarà passibile di una sanzione amministrativa che va dai 7700 ai 13mila euro.

leggi anche…

DDL sicurezza: abrogata la norma che proteggeva il cittadino dagli abusi di un pubblico ufficiale

Nuova legge contro la pirateria digitale e multimediale, un nuovo attacco a internet e alla libera informazione on line da Berlusconi

facebook.jpgCondividi su Facebook

Advertisements

28 commenti »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. Non farei rientrare la legge Cassinelli tra le porcate volte a censurare l’informazione libera sul web, comunque sono d’accordo sulla dubbia bontà di questo articolo inserito di straforo nel pacchetto sicurezza…

  2. il mio blog tratta specificatamente della questione MO,ma la notizia è di una tale gravità che ho postato il tuo post…se ci sono problemi a riguardo…fammelo sapere
    ciao

  3. Okey… il mio blog sarà uno dei primi a chiudere… Mi sento proprio di dirlo ormai.. Che dittatore del c***o

  4. […] prof. Francesco Alberoni nell’ambito della strategia del Governo Berlusconi per limitare la libertà dell’informazione attraverso interne…, entra nel dibattito quotidiano che ormai affolla lo schieramento dei nemici della […]

  5. […] prof. Francesco Alberoni nell’ambito della strategia del Governo Berlusconi per limitare la libertà dell’informazione attraverso interne…, entra nel dibattito quotidiano che ormai affolla lo schieramento dei nemici della […]

  6. […] Totò Cuffaro nella commissione di vigilanza Rai al posto di D’Alia 04/03/2009 at 09:35 | In cronaca, media, politica | Tags: d’alia legge ammazza blog, totò cuffaro, totò cuffaro commissione vigilanza rai Totò Cuffaro è entrato nella commissione di Vigilanza Rai. D’Alia lo ha candidato al suo posto.  Cuffaro è stato condannato per favoreggiamento semplice in primo grado a 5 anni di reclusione e a interdizione perpetua dai pubblici uffici. Rircodiamo che D’Alia è autore della legge ammazzablog. […]

  7. “E’ ora di svegliare le coscienze degli italiani”.
    Inutile dire che sono d’accordo, ma per fare cosa?
    E’ mai possibile che tutti quelli che denunciano, alla fine non propongano mai una valida azione di contrasto, compresi i vari Travaglio e Grillo che sono 20anni che urlano. Tutto quello che sanno dire è svegliatevi, ebbene ora che molti sono svegli cosa facciamo? votiamo Di Pietro? Ma per favore! Non basta un De Magistri a rendere pulito un partito come l’IDV.

  8. E’ la volta buona che si torna in piazza anche piuttosto incazzati!!!

    • Siii, in piazza!!! Siamo sotto una dittatura, io sono anni che lo dico e quello che sta accadendo me lo conferma in pieno, bisogna ricominciare a prendere le botte e a darle, non si può più accettare tutto supinamente, ci stanno portando via il bene più prezioso cui tutti abbiamo diritto: La libertà!

      • mi stupisco ancora che il 2 giugno non abbiano marciato su roma invece di fare la solita parata…

  9. M E R D A e cos’altro resta da dire?

  10. Non vi preoccupate loro sono il vecchio e non capiscono nulla di internet, la non si può bloccare in nessun modo se sposti il tou dominio in un altro stato nessuno ti può fare niente, non si può bloccare, è impossibile. Oltre modo dovete sapere che la libertà di espressione è garantita questi non gli ne frega niente di quello che diciamo a loro interessa mantenere il potere economico è solo questione di soldi. Il media che conta è la televisione e quello che interessa chi ci governa ed è sotto controllo. Per quanto riguarda il reato di apologia finalmente ne avevamo bisogno ci sono troppi siti che innegiano a Mussolini il più grande criminale della storia italiana.
    Poi tnente duro perchè questi fra un paio di mesi dovranno scappare la fame stà arivando e un polo quando a fame si incazza, e allora la verità verra fuori si scopriranno gli imbrogli e le malefatte.
    Ciao a tutti non temete dureranno poco.

  11. grande max
    vorrei fare un osservazione:
    con internet veniamo continuamente controllati, sopratutto attraverso strumenti come i -social network-, primo fra tutti facebook. pensate sia libertà d’espressione poter scrivere tenendo aggiornata la propria vita su un libro che non è il vostro e alla quale hanno accesso non solo servizi segreti, ma tutta una serie di persone che studiano come muovere l’economia e le masse a seconda dei gusti personali
    cari miei sono scienze nate con l’industrializzazione,è normale che la gente avendo maggiore accesso alla cultura, bisogna anche che la si controlli di più.

    il fascismo che reprime palesemente non può piu andare, ormai siamo oltre: vi fanno diventare indispensabili strumenti come facebook anche facendoci leggi contro, cosi non ci arriverete mai al fatto che sono proprio loro a volerlo:
    vogliono portarvi a farvi ocntrollare spontaneamente! e avete tutto sotto il naso!

    saluti a tutti

  12. Dici? E se oscurano Face Book?? Qui i Gruppi anti Berlusca che ne sono tanti e ci stiamo riunendo in un solo numerisossimo gruppo nel quale fare cose veramente serie, mi viene un dubbio, che guarda caso sarà anche per questo che si vuole oscurare?????????

  13. naturalmente non posso essere totalmente certo di quello che accadrà;tuttavia penso che per come la storia sia andata i sistemi di controllo siamo sempre andati crescendo in astrattezza, percio perdendo il loro aspetto piu palese e per aquistarne uno che si avvicina sempre piu ad un lavaggio di cervello INDOTTO NEL SINGOLO.

    percio penso a maggio r ragione che sia tutto studiato in maniera sempre piu complicata e difficile da capire per la gente che lavora per il sistema (tutti)

  14. Secondo me siete un gruppo afflitto da manie di persecuzione…
    Ma pensate che Berlusk non abbia un cazzo da fare che pensare a questo inutile blog?
    MAH!
    Beati voi!

  15. Sono stanca dell’Italia e delle ingiustizie che vi regnano sovrane;sono stanca di vivere in un paese così antiquato e oggetto della politica dei conservatori;sono stanca di sentire dire in tv che l’Italia è un paese democratico;sono stanca che una nazione così antica e ricca di storia debba rappresentare nell’intero mondo lo zimbello del pianeta…SONO PROPRIO STANCA!!!!!

    • naife sei tu?

  16. Guardate come ci schiavizzano le banche:

    http://www.odeontw.tw/default.asp?dprogramma=100003&dpuntata=101039

    potessero finire dimenticate nei libri di storia, loro e il sistema monetario

    Tra due mesi mi scade il contratto e sono per strada grazie a questo sistema. Io per questo chiudo il conto appena prendo l’ultimo stipendio e ho finito per sempre con le banche. Potessi crepare se dico stronzate!

  17. qualcuno mi può aiutare?
    non so per chi votare alle provinciali del 6 e 7 giugno, podestà o penati, penati mi sembra lam scelta migliore, visto poi la sua lista civica formata da persone che non fanno parte della solita vecchia politica! visitate il sito listapenati, c’è pure philippe daverio, aiutatemi a scegliere.

  18. “invitare a disobbedire a una legge che ritiene ingiusta” è profondamente ingiusto nei confronti di chi rispetta le leggi e casomai utilizza strumenti legali come raccolta di firme, scioperi e menifestazioni. Mi sento offeso da questa tua rivendicazione di qualcosa che non è libertà: giudicare a livello personale se una legge è giusta o no è lecito, disobbedire ed invitare altri a farlo è inciviltà.
    L’intepretazione personale delle leggi e come raggirarle è una delle cose che forse danneggiano di più l’Italia intera e tu rivendichi l’impunità per poterlo fare??
    Per me sono ingiuste le aliquote delle tasse ma non per questo evado o invito a evadere il fisco.

  19. Ragazzi, pensate che in Cina dove quasi non si potrebbe navigare su Internet lo subiscono passivamente? se i provider sono all’estero non c’è problema ci sono dei programmini in giro che senza neanche bisogno di installazione vi fanno visitare tutti i siti che volete!

  20. Letti i commenti. Trovati i commenti tutti degni di considerazione e attenzione.Si ritiene,tuttavia,che ogni azione seria venga preceduta da una visione sempre oggettiva delle cose.Bisogna,quindi,sempre informarsi di ogni avvenimento che possa riguardare la nostra vita di uomini e di cittadini per una equilibrata valutazione ed elaborazione di quanto sta accadendo intorno a noi.Non lo diciamo a mo’ di slogan,ma per agire bene per se’ e per gli altri,bisogna sempre essere informati e preparati adeguatamente, cosa estremamente rara tra i giovani e i non giovani,soprattutto i non giovani!

  21. Sono sempre piu convinto che farà la fine di tutti i dittatori.

  22. o ci accontentiamo di essere fottuti o proviamo a fotterceli

  23. […] Pacchetto sicurezza e filtraggio della rete […]

  24. Perché più passa il tempo mi viene questo acronimo?

    PDL = Perdita Delle Libertà


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: