BHW mutuo casa alle coppie gay solo uno spot

03/03/2009 alle 22:39 | Pubblicato su economia, media | 6 commenti
Tag: , ,

La notizia rilanciata dalle agenzie di stampa questo pomeriggio,  domani sarà ripresa da tutti i media come innovativa e di rottura.  BHW, banca tedesca specializzata nell’erogazione di mutui ipotecari, stipula una convenzione con l’Arcigay per mutui agevolati alle coppie di fatto gay e lesbiche.  In tempi di crisi con il mercato dei mutui fermo è sicuramente un’ottima strategia di marketing, specie se ufficialmente si riconosce la comunità gay come target di mercato ben preciso.  Cosa che da qualche anno fanno le grandi aziende  anche nel nostro Paese senza però istituzionalizzarlo.

Ma questo accordo di BHW con l’Arcigay è la stessa convenzione che questa banca ha con  diverse altre categorie già convenzionate, come ad esempio le forze dell’ordine  e i loro familiari che ricevono una riduzione dello 0,15% sullo spread del mutuo.  Nè più nè meno. Lo scoop che questa banca vuole fare è solo nell’attenzione mediatica che questa notizia riceverà da giornali e tv.

Perchè nessuna banca rifiuta il mutuo a due persone dello stesso sesso che si comprano casa.  Se ci sono i presupposti reddituali la banca eroga senza problemi.  Il problema oggi è trovare i clienti con i requisiti reddituali in grado di sostenere la rata del mutuo, questo è il vero problema. Le banche cercano clienti di qualità, con redditi elevati.

E i gay non sono stupidi.  Quindi sapranno  che una banca che opera attraverso una rete di agenti (come BHW), quindi liberi professionisti, che vengono pagati a provvigione, ha implicitamente dei costi maggiori rispetto ad una banca che offre il proprio prodotto mutuo attraverso le proprie filiali sul territorio con dipendenti a stipendio oppure direttamente e solo on line.

Brava dunque all’Arcigay per la convenzione, ma di sicuro BHW non è la banca più conveniente e competitiva in Italia a cui richiedere un mutuo.    Lo è addirittura e di più Poste Italiane, che applica alle proprie categorie convenzionate  uno spread bassissimo che nemmeno più le grandi banche italiane possono permettersi di offrire ai propri clienti migliori.

facebook.jpgCondividi su Facebook

Annunci

6 commenti »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. me pensa un po..ma lo sai che i mutui delle poste italiane sono fatti indovina da chi?da bhw..sono proprio loro!!

  2. MERCOLEDI’ 25 FEBBRAIO 2009Deutsche Bank: concluso accordo per acquisizione 22, 9% di Postbank(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Francoforte, 25 feb – Si e’ conclusa la cessione di una parte di Postbank (Deutsche Post) a Deutsche Bank. Lo comunicano i due gruppi tedeschi. In base all’accordo, reso noto nelle sue linee generali lo scorso 14 gennaio, Deutsche Bank ha acquisito 50 milioni di azioni di Postbank, pari al 22,9% del capitale, mentre Deutsche Post che detiene ora l’8% del primo gruppo creditizio tedesco, prendera’ un ulteriore 27,4% nel giro di tre anni. Deutsche Bank ha precisato che al momento detiene circa il 2,1% di Postbank e che la quota ulteriore che verra’ a detenere (il 22,9%), portera’ la propria partecipazione al 25% piu’ un’azione. Com-Lor (RADIOCOR) 25-02-09 17:19:59 (0305) 5 NNNN

  3. Prima di rispondere che i mutui delle Poste sono erogati da Deutseche Bank dovresti informarti meglio. Ciò che dici non è totalmente sbagliato ma è incompleto. Infatti i mutui a tasso fisso con tradizionale scalare alla francese di durata non superiore ai 15 anni sono proprio proposti da BHW… le altre tipologie di mutui che Poste propone sono infatti Deutsche Bank. I mutui Banco Posta pubblicizzati con il “vasetto di yogurt” che riporta uno spread dello 0,85% sono proprio mutui BHW. Inoltre dovresti ben sapere che BHW fa parte del gruppo Post Bank che a sua volta è stata in parte acquisita tu guarda un po?? da Deutsche Bank.

  4. …inoltre prima di dire che nessuna banca rifiuta il mutuo a due persone dello stesso sesso che comprano casa insieme dovresti fare una verifica tra i principali istituti di credito visto che per poter fare il calcolo reddituale e giungere a considerare il cumulo dei redditi dei due richiedenti è normalmente necessario che gli stessi rappresentino insieme un nucleo famigliare riconosciuto. Certo hai ragione nel dire che la notizia della convenzione con la comunità gay ha portato maggiore notorietà a BHW che si è vista probabilmente fare pubblicità indiretta. Inoltre BHW in Italia ha sempre operato in questo modo anche precedentemente alla stipula della recente convenzione. L’aver siglato un patto specifico tra BHW e l’Arci Gay aiuterà, a mio parere, molte coppie a realizzare più facilmente il loro desiderio di acquistare casa senza intoppi senza imbarazzi e senza problemi burocratici e di normativa creditizia. Permettimi inoltre un’ ultima considerazione: è pur vero che BHW opera tramite agenti remunerati con il sistema delle provvigioni, ma ti invito a verificare proprio quei costi che dici in BHW siano più alti di una banca tradizionale.
    Andrea ex A.M BHW Financial

  5. I mutui di Poste Italiane sono erogati da Deutsche Bank senza ombra di dubbio alcuno. Quello che affermi è completamente destituito di ogni fondamento. I mutui erogati da Poste Italiane da 0 fino a 30 anni sono tutti erogati da Deutsche Bank. Quando due persone comprano casa insieme e diventano mutuatari e intestatari al 50%, alla banca non interessa un fico secco di cosa fanno a letto i due clienti. L’importante è che il loro reddito netto soddisfi i parametri reddituali della policy del credito di quella banca. In nessuna banca è mai stato necessario dover dimostrare di rappresentare insieme un nucleo famigliare riconosciuto. E’ una balla colossale questa! Quanti conviventi si comprano casa e ognuno al momento della richiesta del mutuo è residente anagraficamente da mamma e papà! Scrivi panzane colossali!
    La pubblicità del vasetto di yogurt che citi, fa riferimento ad uno spread non più applicato dall’ottobre 2008. Vai sul sito di Poste Italiane e informati sui nuovi spread. Lo spread di Poste attualmente su tutte le durate e per tutte le tipologie di mutuo è del 1,35%. Se il cliente sottoscrive la polizza assicurativa CPI lo spread si abbassa all’1,25%. Inoltre se i clienti sono dipendenti pubblici lo spread è dello 0,90%, che di questi tempi non si trova da nessuna parte e non sono obbligati a sottoscrivere nessuna polizza aggiuntiva. E se vuoi sapere Poste Italiane da questo mese fa anche la surroga del mutuo a costo zero, così come previsto dalla normativa vigente.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: