Terremoto L’Aquila: Vauro, Anno Zero, epurato dalla Rai

16/04/2009 alle 05:32 | Pubblicato su media, politica | 1 commento
Tag: , , , , ,

Vauro sconta purtroppo l’opposizione al regime di Berlusconi. Gli hanno fatto pagare il peso della verità delle sue vignette. La triste verità di chi non ha fatto nulla per prevenire le morti del terremoto de L’Aquila. Vauro paga l’aver denunciato attraverso le sue vignette l’opposizione ad un sistema di illegalità diffusa che è stato l’unico responsabile di quello che è accaduto a L’Aquila. Chi è genuflesso al potere ha dovuto in maniera evidente colpire un simbolo per dare un indicazione forte a tutti gli altri comunicatori. Masi, uomo di Berlusconi, più volte Segretario Generale della Presidenza del Consiglio e Capo di Gabinetto del Premier, appena approdato alla direzione generale della Rai ha dato un’ottima prova di estrema fedeltà al “ducetto di Arcore”.

vauro090409_7

Stasera abbiamo solo un modo per far sentire la nostra opposizione ad un simile provvedimento illiberale e censorio: guardare tutti Anno Zero per dare un segnale forte a chi vorrebbe censurare una delle ultime voci del giornalismo d’inchiesta libero di questo Paese.

Annunci

1 commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. […] A volere essere maliziosi: si. La vignetta che ha provocato la sospensione di Vauro la puoi trovare qui (clicca qui), a vederla è carica di tristezza e prende in giro la norma chiesta da  Berlusconi […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: