Berlusconi è ormai bluff totale fino alle elezioni

26/04/2009 alle 18:06 | Pubblicato su politica | Lascia un commento
Tag: , , ,

Può essere una strategia spesso utilizzata per catalizzare l’attenzione di tutti, ma in un sistema normale dove le informazioni distribuite dai media svolgono un potere di controllo il rischio di imbonimento totale viene evitato. Non nel nostro Paese evidentemente, dove il bluff continuo di questa maggioranza viene trainato dalle sparate di Berlusconi.

Ed ecco che dopo il bluff della “social card”, del tetto massimo sui mutui al 4%, del bonus famiglia (solo per citarne alcuni dei più clamorosi) arriva anche il millantato “G8 a L’Aquila”.

Ebbene dopo i numerosi vertici internazionali che sin qui si sono già svolti, il G8 del prossimo 8-10 luglio si sarebbe rivelato del tutto inutile. Quello che i giornali non hanno scritto è che già da parte di alcuni Paesi era stata sollevata l’ipotesi di annullamento del vertice. Inoltre i lavori che avrebbero dovuto preparare le strutture logistiche sull’isola de La Maddalena (necessarie per accogliere tutti i capi di Stato con le delegazioni al seguito), sono in fortissimo ritardo. E allora perchè visto che tra l’altro si voterà a giugno per le elezioni europee, non “vendersi il G8” a L’Aquila? Tanto ci sarà sempre tempo il giorno dopo delle elezioni di accampare una qualche scusa per dire – “ho fatto di tutto, ma purtroppo abbiamo ritenuto doveroso annullarlo”. E vedrete che accadrà proprio questo, perchè farsi un pò di ulteriore pubblicità vendendo la pelle dell’orso senza averlo ucciso, non fa danni anzi!

E poi ieri è arrivata anche “la festa della libertà”, Berlusconi ha trovato lo spirito istituzionale che per la prima volta lo ha visto protagonista assoluto delle celebrazioni per l’anniversario della liberazione, senza contestazioni e senza critiche. Oggi i principali quotidiani elogiano il Premier per essersi appropriato anche della festa del 25 aprile, ma a che pro nessuno se lo è chiesto. Ci sono le elezioni e questo è risaputo e  dunque avrebbe potuto Berlusconi prestare il fianco ad un’opposizione che lo avrebbe definito insensibile ad una parte del Paese che si ritrova negli ideali della resistenza? No, a ridosso di elezioni non avrebbe potuto consentirlo. Ed è arrivato il Berlusconi partigiano. Ora che i tg hanno annunciato che farà bloccare la proposta di legge che voleva equiparare repubblichini ai partigiani, lo spot è definitivamente completato.

Purtroppo continueremo a sentirne delle belle anche perchè se il Governo (grazie anche alla sciagura del terremoto), è riuscito a far smettere di parlare della gravissima recessione economica in cui siamo piombati – dovrà quest’estate far fronte a ben altre sciagure che, forse, anche a livello mondiale potrebbero distogliere ulteriormente l’attenzione degli italiani dai problemi di casa nostra.

E se poi entro ottobre i poveri terremotati abruzzesi non abbandoneranno le tendopoli, allora Berlusconi dovrà inventarsi qualcos’altro per calmare gli animi. Sicuramente tg e carta stampata l’aiuteranno visto che ormai è lui a dettare le priorità dell’informazione.

Annunci

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: