Terremoto L’Aquila: le bugie di Berlusconi agli aquilani che protestano a Roma davanti Montecitorio e la censura del TG1

17/06/2009 alle 08:56 | Pubblicato su cronaca, politica | 2 commenti
Tag: , , , , , , ,

Le proteste legittime dei cittadini abruzzesi terremotati che ieri hanno manifestato davanti la Camera dei Deputati, arrivano dopo disperati appelli fatti al Governo e a Berlusconi per rivedere i provvedimenti varati per la ricostruzione. Il decreto Abruzzo sarà varato così com’è senza modifiche. Quello che si contesta e la mancanza delle necessarie coperture finanziarie e l’esclusione dai fondi per la ricostruzione delle case dei non residenti.

Forti_e_gentili_si_fessi_noDuro il Sindaco dell’Aquila che ha affermato che «Se il governo non cambia strategia – ha detto – la ricostruzione della città non ci sarà, ci saranno solo le 15mila casette. E questo significa la morte dell’Aquila, che sarebbe una sconfitta per il paese». «Purtroppo», ha infatti aggiunto, le “casette” non saranno pronte per settembre. «Forse un primo nucleo sarà consegnato a ottobre», ma «non saranno pronte prima di dicembre».

Anche il Presidente della Provincia de L’Aquila Pezzopane dice: «Ci sentiamo traditi dal governo perchè ha dato un parere negativo su un emendamento per noi vitale come quello che riguardava le case dei non residenti».

E anche Gianfranco Fini dopo l’incontro con la delegazione dei cittadini aquilani arrivati per protestare ha affermato: «È la prima volta che in una calamità naturale si fa un distinguo tra case dei residenti e non residenti».

Questa è la seconda presa per il culo  che Berlusconi fa agli abruzzesi. Ricordiamo la prima alla vigilia delle elezioni regionali lo scorso dicembre, quando Berlusconi annunciò che il CIPE avrebbe stanziato 16 miliardi di euro per le infrastrutture in Abruzzo. Prima delle elezioni europee Berlusconi aveva garantito al Sindaco Cialente e alla Presidente della Provincia Pezzopane che la ricostruzione ci sarebbe stata per tutti e non solo per i residenti e le prime case. Le elezioni ci sono state e ora cari abruzzesi, secondo la logica degli spot di Berlusconi, potete andare “a fanculo!”.  Vince la linea di Tremonti e quella della Lega e nei telegiornali dove hanno messo i loro leccaculi, vedi il TG1, censurano pure le notizie, come accaduto ieri nell’edizione delle 13.30 durante la quale non si è dato conto ai cittadini della protesta che era in corso a Montecitorio. Guardate come ancora questa mattina su La7, l’On. Bonaiuti, cercava attaccando il direttore Piroso e l’On. Donadi dell’IDV, di continare a dire palle ai telespettatori sulla ricostruzione in Abruzzo.

leggi anche: Terremoto L’Aquila: vietato manifestare contro Berlusconi, la polizia reprime il dissenso, quando passa il Premier

Annunci

2 commenti »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. Bè, il Tg5, di sera alla fine ha dato la notizia, evitando accuratamente di far capire cosa stavano contestando, ma finemente cercando di far credere che era per velocizzare la legge per la ricostruzione.
    E qui la ciliegina: in mezzo alla notizia, anche il GIUDIZIO politico sull’operato dell’opposizione, che con i suoi “emendamenti” di fatto rallenta gli aiuti ai poveri terremotati.

    Disinformazione, giro di frittata e leccata di c… al governo , un bel 3 in uno.
    Perfetti , no?

  2. Dobbiamo far capire LORO i nosti diritti come cittadini aquilani e italiani! Non facciamoci prendere per il culo stando zitti…o meglio…protestando ma senza nessun benificio o facendo bloccare le proteste!Come hanno deciso di sbatterci dentro container al freddo per mancanza di tempo per i M.A.P.??COSA HANNO FATTO FINO AD ORA??Fare bella figure con le loro falsità davanti agli occhi degli italiani??Dobbiamo ribbellarci stando uniti e facendoci rispettare…non possono trattarci cosi!! TERREMOTOSTO!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: