Scudo fiscale: dipendenti coglioni e lavoratori autonomi leoni

24/09/2009 alle 17:44 | Pubblicato su economia, politica | 2 commenti
Tag: , , , , , ,

BerlusconiSe qualcuno a questo punto avesse ancora dei dubbi sulla politica fiscale e giudiziaria del governo Berlusconi, credo che con l’approvazione del terzo “scudo fiscale” ogni dubbio sarà dipanato.

Il messaggio forte allo zoccolo duro del proprio elettorato è stato lanciato: voi mi continuate a votare ed io vi premio con norme che cancellano reati penali e fiscali, perchè faccio solo i vostri interessi.

l senato ha approvato lo
scudo fiscale potenziato
che salva anche dal falso in
bilancio, che martedì era
passato nelle commissioni
competenti.

E se non bastasse, ieri il  Senato ha approvato lo scudo fiscale potenziato che salva anche dal falso in bilancio, che martedì era passato nelle commissioni competenti. Infatti l’emendamento del senatore del Popolo della libertà Salvo Fleres allo scudo fiscale, ha introdotto una modifica sostanziale al già controverso provvedimento per rimpatriare i capitali esportati all’estero in modo illecito (pagando solo una penale del cinque per cento della somma rimpatriata):  una protezione ulteriore per gli evasori anche da alcuni reati tributari e da violazioni contabili come il falso in bilancio. Un imprenditore o cmq un lavoratore autonomo o cmq ancora uno che di soldi ne ha fatti abbastanza anche in modo illecito, se un domani verrà scoperto potrà usare lo scudo per evitare qualsiasi accertamento e stare tranquillo sia da un punto di vista fiscale che giudiziario. Insomma non potrà essere più perseguito e gli sarà garantito l’anonimato.

Si potranno avvantaggiare di questa protezione totale da vero e proprio ennesimo maxi-protesta_IDV_Senatocondono, tutti i truffatori anche se con fedina penale immacolata, che nel corso degli anni hanno portato all’estero capitali frutto di ogni peggiore nefandezza economica. Infatti la Mafia, la Camorra e la ‘Ndrangheta, ringraziano vivamente insieme a tutti coloro che grazie allo sfruttamento della prostituzione, lo spaccio di droga, il traffico di esseri umani, l’usura e il pizzo hanno accumulato ingenti risorse finanziarie nei paradisi fiscali di mezzo mondo. E di certo ringraziano anche tutti coloro che dopo un provvedimento simile, si sentiranno ancor di più legittimati ad evadere il fisco perchè forti di un appoggio politico senza precedenti: quello del Partito dei Condoni e cioè il PDL. Commercianti, imprenditori, ditte individuali – oggi più che mai come all’indomani dell’insediamento del nuovo governo Berlusconi nel maggio 2008, che cancellò tutti i provvedimenti del precedente governo Prodi in tema di contrasto all’evasione e elusione fiscale, sanno chi possono continuare a votare e chi continuerà a mantenere lo status di permanente impunità per questo tipo di reati. Loro sono tutelati.

Provvedimenti di questo tipo continuano giorno dopo giorno a minare pericolosamente la credibilità delle istituzioni e del principio di legalità, che inevitabilmente ne esce non indebolito, bensì distrutto. L’Associazione nazionale magistrati è stata molto esplicita: “Il diritto penale non può tollerare un così frequente ricorso ad amnistie o sanatorie, in particolare nel settore delicatissimo dei reati economici e fiscali”.

A questo punto possiamo sperare solo nel Capo dello Stato. Se Napolitano rinvierà alle Camere il provvedimento, sarà lanciato un segnale forte per il rispetto delle regole che il Governo si mette sotto i piedi ogni giorno che passa, ma dubito che accadrà. Se ha promulgato il lodo Alfano figuriamoci perchè non dovrebbe avallare un’altra simil porcata.

Adesso la palla passa all’informazione libera e ad ogni singolo cittadino a cui è rimasto dentro un minimo di senso civico, perchè informare tutti gli altri che non sanno o che guardano solo il TG1 di Minzolini, che ne ha completamente censurato i contenuti, vuol dire lottare per liberare il Paese e ripristinare le regole della democrazia. La lotta per informare e scuotere dal torpore tutti i lavoratori dipendenti che hanno votato questo Governo e che le tasse le pagano fino all’ultimo centesimo, è una battaglia per la libertà!

I coglioni non sono stati quelli che non hanno votato l’attuale maggioranza, bensì coglioni sono stati tutti i lavoratori dipendenti da nord a sud che hanno votato il Governo Berlusconi.

Annunci

2 commenti »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. […] Scudo fiscale: dipendenti coglioni e lavoratori autonomi leoni « Italian Spot e l’informazione sp… italianspot.wordpress.com/2009/09/24/scudo-fiscale-berlusconi-lavoratori-autonomi-leoni-lavoratori-dipendenti-coglioni – view page – cached 24/09/2009 at 17:44 | In economia, politica | Leave a Comment Tags: emendamento salvo fleres, salvo fleres pdl, scudo fiscale berlusconi, scudo fiscale falso in bilancio, scudo fiscale potenziato, scudo fiscale reati tributari, terzo scudo fiscale — From the page […]

  2. […] leggi anche: Scudo fiscale: dipendenti coglioni e lavoratori autonomi leoni […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: