Trans e politica: da Marrazzo a Chiappe d’oro la Casta trema 2parte

30/10/2009 alle 10:24 | Pubblicato su cronaca, politica, società | 1 commento
Tag: , , , , , , , , , ,

porciAnno Zero ieri sera ha cercato di far luce sul “caso Marrazzo” evidenziando nel corso del programma che, in realtà, il famigerato video rappresenta e denuncia un reato, una vera e propria irruzione armata fatta da “carabinieri infedeli” in un appartamento privato senza un mandato e probabilmente con atti di violenza e intimidazioni. Quel video proposto subito a varie redazioni di testate giornalistiche (Oggi, Libero, Chi) che pur visionandolo e facendolo girare per mezza Italia non lo acquistato, è stato in realtà l’oggetto di una vera e propria ricettazione e coloro che lo hanno detenuto per settimane senza denunciarlo ne sono complici.

Dalle indagini ancora in corso emergerebbe la presenza di altri video e altri personaggi pubblici che andavano a trans ricattati. Testimonianze di altre trans affermano che anche uomini  di Alleanza Nazionale avrebbero frequentato le trans di via Gradoli. Sarebbero «almeno una dozzina» i vip clienti abituali di via Gradoli, nomi fatti dai trans nei primi colloqui investigativi ma che non sono poi finiti nei verbali. Un «paio di calciatori», «due ex ministri, uno di centro destra e uno di centrosinistra», tutti pare con «buone conoscenze tra gli apparati della sicurezza». E poi giornalisti e altri politici, una ridda di nomi che se fai un giro in rete trovi già, ma che in tv non si possono ancora dire, come «Chiappe d’oro» che a detta di molti sta tremando da una settimana. Sul perchè questo personaggio politico possa avere le “chiappe d’oro”, tutti possono farsi un’idea. Ma come per Marrazzo, anche per “chiappe d’oro” si parla del segreto di pulcinella. E intanto c’è chi tra i politici mette le mani avanti, minacciando querele.

Roma “caput mundi del vizio” forse non più di Milano, in queste ore pullula di giornalisti anche stranieri che vanno a caccia di informazioni sulla “casta che va a trans”. Ma ripetiamolo, questo è un altro “segreto di pulcinella” noto da anni a giornalisti, forze dell’ordine e gossippari, ma anche a chi frequenta le palestre più “in” del centro di Roma o dei Parioli.  Nessun reato ovviamente, tutti sono liberi di andare a trans o a puttane o a puttani, il lignaggio degli avventori certo non può essere una discriminante, ma lo è di sicuro se “chiappe d’oro” poi va al family day oppure se si spertica in attacchi contro il gaypride e le leggi sulle unioni civili.

Ma in queste ore emerge una critica sottintesa e ancora non fatta pubblicamente, sul silenzio e la prudenza che “santa romana chiesa” starebbe adottando su quanto accaduto dal caso Marrazzo in poi.  Perchè? Fonti ben informate attendono a giorni altre indiscrezioni che vedrebbero anche importanti personaggi della Curia romana, alti prelati insomma, coinvolti nei ricatti dei video insieme a trans.

Con il coinvolgimento della Chiesa il cerchio si chiude. Tutti sono viziosi, tutti nascondono degli altarini e delle infedeltà coniugali, da destra a sinistra per arrivare oltre Tevere fin nel cuore dei palazzi vaticani.

Il torbido che esce da queste vicende sarà in realtà “l’amalgama ben riuscita” che compatterà la maggioranza e il Pd nel correre, fare in fretta, a reintrodurre l’immunità parlamentare totale per tutti, deputati, senatori, ministri e magari inserendo norme più stringenti e restrittive in caso di richiesta di autorizzazione a procedere avanzate alle Camere.

L’obiettivo finale è questo e così saranno salvi tutti e il “si fa, ma non si dice” continuerà ad essere la regola non scritta dei vizi privati dei politici e notabili, che continueranno a fare il loro porci comodi andando di notte a puttane o a farsi sodomizzare da qualche trans e, di giorno, continueranno a difendere i valori della famiglia e a contrastare qualsiasi progetto di legge sulle unioni civili o contro l’omofobia. Tutto con il benestare del Vaticano.

E tutto molto triste.

 

Annunci

1 commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. […] 2 parte: Trans e politica: da Marrazzo a Chiappe d’oro la Casta trema […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: