Massimo Tartaglia lancia una statuetta in faccia a Berlusconi dopo il comizio a Milano e se la prendono tutti con le parole di Di Pietro

13/12/2009 alle 20:26 | Pubblicato su cronaca, politica | 1 commento
Tag: , , ,

Si chiama Massimo Tartaglia l’aggressore di Berlusconi dopo il comizio a Milano. Avrebbe lanciato contro il Presidente del Consiglio una statuetta del duomo di Milano.

Su Facebook è già nato un suo fan club che in pochi minuti fa già registrare più di quaranta mila iscrizioni:

http://www.facebook.com/pages/Massimo-Tartaglia/239205452597?ref=search&sid=1531948015.916770257..1

Sui principali media on line di tutto il mondo, Massimo Tartaglia che pare non iscritto a nessun partito politico ed è incensurato, viene paragonato al giornalista iraqueno Montazer Al Zaidi che lanciò un paio di scarpe contro Bush.

I principali esponenti della maggioranza se la prendono contro Di Pietro per le dichiarazioni rilasciate a SkyTg24. Il presidente dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, condanna l’aggressione a Silvio Berlusconi ma afferma che il premier “con i suoi comportamenti e il suo menefreghismo istiga alla violenza”. “L’aggressione nei confronti di Berlusconi e’ un gesto inconsulto e sconsiderato che noi dell’Italia dei Valori deploriamo e condanniamo fermamente” – dichiara Di Pietro -. “Ma questo non puo’ e non deve giustificare e legittimare il totale abbandono nel quale il Governo ha lasciato le fasce sociali piu’ deboli – prosegue l’esonente di Idv – i lavoratori che hanno perso il lavoro e tutti coloro che non arrivano alla fine del mese. Io – agiunge Di Pietro – condivido le rimostranze dei cittadini che ogni giorno vedono un premier che tiene bloccato il Parlamento per fare leggi che servono a lui e soltanto a lui mentre milioni di cittadini perdono il lavoro e faticano ad arrivare a fine mese”.
“Gia’ nei giorni scorsi ho segnalato l’esasperazione che ho avuto modo di notare nelle piazze – conclude Di Pietro – durante le manifestazioni. E ho lanciato l’allarme che il menefreghismo del Governo, prima o poi, avrebbe rischiato di procurare reazioni negative“.

E domani tutti i giornali attaccheranno Di Pietro e riporteranno con enfasi le parole della maggioranza che attraverso il gesto sconsiderato di un pazzoide, trova la giustificazione per dire che non bisogna più attaccare Berlusconi.

Annunci

1 commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. Poche volte nella mia vita ho goduto così tanto per ciò che è successo a Berlusconi. No B.Day
    Saluti dal Diomo di Milano


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: