Berlusconi al tramonto all’adunata di piazza San Giovanni

21/03/2010 alle 19:44 | Pubblicato su politica | 1 commento
Tag: , , , ,

Ieri durante l’adunata del PDL a piazza San Giovanni voluta da Berlusconi per cercare di rinvigorire la sua leadership, ormai al capolinea, il Presidente del Consiglio ha manifestamente evidenziato il tema principe che fa da collante al suo consenso elettorale: l’evasione fiscale.

Proprio sul “laissez-faire” tributario ed in particolar modo sulla tracciabilità dei pagamenti fatti verso aziende e liberi professionisti, il Premier più volte ha centrato la sua attenzione enfatizzando le misure introdotte dal Governo Prodi contro i pagamenti in nero che i commercianti e professionisti incassavano dai propri clienti.

E’ stato il primo regalo che il suo Governo, per decreto legge nel giugno del 2008, ha fatto ai lavoratori autonomi: cancellare l’art. 35, comma 12 della legge Bersani 248/2006 , la misura prevedeva l’obbligo di usare sistemi tracciabili, quali bancomat, assegni, bonifici, per il pagamento delle parcelle professionali. Una misura in vigore in tutto il mondo occidentale  per il contrasto all’evasione fiscale che mirava a colpire, in particolare, i professionisti che non rilasciano la fattura e percepiscono i compensi “in nero”.

Commercialisti, notai, architetti, avvocati, agenti immobiliari, dentisti hanno votato in massa per Berlusconi e plaudito all’abolizione di questa norma.

Allo stesso modo questi ultimi hanno fatto fronte comune quando, ancora una volta il Governo Prodi con la legge 248 del 4 agosto 2006, ha abolito i minimi tariffari e introdotto la possibilità per i professionisti di farsi pubblicità e di creare società professionali multidisciplinari.  Tutte le associazioni dei professionisti e ordini erano ferocemente contro ogni introduzione di liberalizzazione nel settore dei professionisti.

Dal momento che sono costoro ad evadere il fisco, a fare il nero, a frodare l’Erario sarebbe evidente anche ad un bambino di prima elementare che Berlusconi avrebbe dovuto puntare sul loro risentimento di Casta. Così fu e Berlusconi tornò al Governo e cancellò le norme per combattere l’evasione fiscale e permettere ai giovani di entrare nelle libere professioni.

Arrivò anche lo “scudo fiscale” e un altro bel regalo, non da poco, andò a toccare la Casta dei liberi professionisti.

Se in piazza Berlusconi interroga i suoi astanti che a pappagallo rispondono di non volere la tracciabilità dei pagamenti e continua rispolverando tutte le falsità che lo hanno fatto vincere nella scorsa campagna elettorale, ma io mi chiedo quale coscienza civica può avere un uomo così? E il suo popolo fatto anche di giovanissimi teste rasate che facevano il saluto romano, provenienti dai quartieri periferici della capitale, appresso alla Polverini, ai quali spetta un futuro da precari senza nemmeno più l’art. 18 dello statuto dei lavoratori, in realtà questi cosa sanno della politica di Berlusconi che aiuta i liberi professionisti ad evadere il fisco? Nulla ovviamente e continueranno ad essere indottrinati da quella destra estrema romana, che ha bisogno di fare numero alle adunate e di avere manovalanza per andare a picchiare gli extra-comunitari.

La continua mistificazione della realtà che Berlusconi fa nella sua dialettica quotidiana continua ad essere la sua unica forza, laddove su sette testate giornalistiche televisive in chiaro, addirittura sei sono prone a riportare le sue menzogne senza battere ciglio. E se vuole anche dalla piazza l’approvazione per non mandare più in tv Santoro che osa ospitare addirittura, l’unico oppositore al suo regime e cioè Di Pietro, non esita a fare domande retoriche e a farsi dare un evidente risposta e cioè un “No” fragoroso a furor di popolo.

Ma si sa i dittatori  chiamano alle adunate i loro fedeli quando avvertono che il vento sta cambiando, che la credibilità viene meno, che al proprio interno i topi cominciano a fuggire quando avvertono pericoli di naufragio.

Berlusconi sei già nel passato, perchè sei finito politicamente!

Annunci

1 commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. io vorrei sapere bondi come fa ad essere minstro del governo berlusconi se prima era comunista era comunista.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: