Benigni sul caso Ruby e Berlusconi e le dimissioni

09/11/2010 alle 04:38 | Pubblicato su costume, cronaca, diritti civili, economia, lavoro, natura, politica, razzismo, società | Lascia un commento
Tag: , , , ,

clicca sotto per ascoltarla e vedere

il monologo di Benigni su Berlusconi

e il caso Ruby a “Vieni via con me”

 

Se Mario Rossi brucia il corano

10/09/2010 alle 06:29 | Pubblicato su politica | Lascia un commento
Tag: , , , , , , ,

Un perfetto sconosciuto come un pastore protestante americano di nome Terry Jones nell’assolata Florida, dichiara su internet di voler bruciare il “Corano” per commemorare l’11 settembre.

E’ come se Mario Rossi una mattina si svegliasse e comunicasse in un anonimo messaggio su YouTube, la sua volontà di bruciare una copia del Corano a Centocelle, un quartiere periferico di Roma.  Chi se ne accorgerebbe? Ma una costante tensione internazionale conviene all’altra America che controlla e decide le guerre a tavolino, nonostante Obama si dica indignato. Parte così il circolo mediatico intorno a questa non notizia, perchè Terry Jones era un perfetto sconosciuto, un capo di una setta evangelica con poco meno di 50 adepti. Le grandi tv americane e i grandi giornali hanno deciso a tavolino di farne un personaggio mediatico di primo piano.

Questa manovra, come la battaglia per salvare Sakineh, continua a perseguire un unico obiettivo:  rafforzare la campagna d’odio nei confronti di un nuovo nemico l’Islam tutto intero.

Preparare l’opinione pubblica mondiale ad uno scontro ideologico senza precedenti tra Occidente e mondo arabo è ormai l’obiettivo conclamato di quel gruppetto di fondamentalisti del Nuovo Ordine Mondiale che, una volta dato fuoco alle polveri, compatterà tutte le nazioni del mondo contro la causa comune.

Sul fronte opposto, quello arabo,  i fondamentalisti trovano terreno fertile nel rispondere a simili provocazioni che, per chi non ha niente e nemmeno l’idea di sperare in un futuro migliore, è uno straordinario collante che rafforza l’odio per l’Occidente.

Insomma ci stanno provando a far scoppiare una terza guerra mondiale, più o meno convenzionale, anche perchè sarebbe l’unico scenario possibile per uscire da una crisi economica e finanziaria senza precedenti.

Sarò pazzo a pensare queste cose? Non credo.

Come l’attacco alle torri gemelle fu pianificato dall’amministrazione Bush, una guerra scatenata contro l’Iran è già stata pianificata con tanto di piani di attacco. Si aspetta solo una scintilla per dar fuoco alle polveri.

Ma quante Sakineh ci sono nel mondo?

05/09/2010 alle 11:20 | Pubblicato su politica | 1 commento
Tag: , , , , ,

Sakineh Mohammadi Ashtiani 43 anni,  è una donna iraniana madre di due figli che sta per essere lapidata secondo la sharia, la legge islamica, che riserva alle adultere un unico trattamento: la morte.

E’ scattata una straordinaria campagna internazionale di solidarietà globale nei paesi Occidentali, per fare pressioni sul governo iraniano affinchè revochi la condanna. Ma qualcuno si è mai chiesto quante Sakineh ci sono nel mondo che versano nella sua stessa situazione o che sono schiave, senza diritti e in procinto di essere mandate sul patibolo a causa della ferocia di cui si può macchiare il maschilismo della religione?

La battaglia mediatica per salvare Sakineh è puramente strumentale alla campagna di demonizzazione dell’Iran, propedeutica all’attacco finale che gli Stati Uniti e Israele prima o poi, sferreranno contro il regime di Mahmud Ahmadinejad.

A chi interessa veramente di Sakineh? Ai petrolieri italiani o francesi che raffinano il greggio estratto in Iran? No. Ai capi di Stato del G8, G10 o G20, neppure. Al Papa altrettanto.

Le tante Sakineh in Afghanistan morivano tutti i giorni sotto il regime dei talebani prima e oggi, sotto quello filo americano di Karzai. E le Sakineh in Arabia Saudita, monarchia assoluta, dove è presente altrettanto la legge della sharia le donne  patiscono ogni giorno. Anche le Sakineh della porta accanto, sul nostro pianerottolo, pestate di botte dal proprio marito o dal proprio compagno, sole e incapaci di salvarsi dal loro carneficie gridano giustizia, ma non ci mobilitiamo per loro.

Quando è necessario trovare un nemico globale da combattere, l’ipocrisia di cui il mondo dell’informazione globalizzata è capace  è  stupefacente.

Nessuno vuole salvare per davvero Sakineh. Non c’è via di scampo a questa carneficina.

Terremotati de L’Aquila manganellati dalla polizia

07/07/2010 alle 15:23 | Pubblicato su politica | Lascia un commento
Tag: , , , , ,

Roberto Saviano: Manifestazione FNSI contro il ddl intercettazioni

01/07/2010 alle 20:21 | Pubblicato su politica | Lascia un commento
Tag: , , ,

Curzio Maltese: Manifestazione FNSI contro il ddl intercettazioni

01/07/2010 alle 20:19 | Pubblicato su politica | Lascia un commento
Tag: , ,

Rodotà: manifestazione FNSI contro il ddl intercettazioni

01/07/2010 alle 20:11 | Pubblicato su politica | Lascia un commento
Tag: , , ,

Tutti a trans anche il consigliere provinciale PDL Pier Paolo Zaccai

01/07/2010 alle 20:08 | Pubblicato su politica | Lascia un commento
Tag: , , ,

http://www.repubblica.it/cronaca/2010/07/01/news/zaccai_festino-5306914/?ref=HREC1-1

Rainews24 scomparsa dai suoi canali è censura o guasto tecnico?

18/05/2010 alle 10:20 | Pubblicato su cronaca, media, politica | 3 commenti
Tag: , , ,

Da questa notte “Rainews24 non si vede più”. Il passaggio al digitale terrestre della Lombardia ha spostato le frequenze di Rainews24 anche nelle Regioni già digitalizzate. Ma non basta. Anche sul canale 506 del satellite, bouquet Sky, Rainews24 non c’è più.

I giornalisti si sono autoconvocati per le 12 di questa mattina nella sede Rai di Saxa Rubra.

E’ un tentativo evidente di censurare una rete all news scomoda per il Governo. E’ scomparsa anche dalla homepage del portale rai.tv dove fino a ieri compariva subito ed era facilmente cliccabile.

Potete continuare a seguire la diretta via web cliccando qui http://www.rainews24.it/it/canale-tv.php

La direzione generale della Rai non ha ancora dato spiegazioni su quanto accaduto.

Lo switch over del digitale terrestre è stata l’occasione per ‘cancellare’ RaiNews24 dalle frequenze che occupava abitualmente, per inserire al suo posto un improbabile ‘Rai Sport 2’ (che già Rai Sport 1 evidentemente non bastava, dato l’alto interesse e il prestigio degli eventi trasmessi).

La TV all news della RAI è stata spostata in coda alla lista dei canali sia nel digitale terrestre sia sul satellite, e questo senza nessun tipo di preavviso. Praticamente, comporta anche non avere un canale fisso, perché a seconda del decoder potrebbe trovarsi sull’800, sull’850 o addirittura sul 998. Chiaro che, con tutte le posizioni ancora libere, questa mossa ha logisticamente e commercialmente i contorni dell’assurdo.

“Ci scusiamo con gli utenti. Faremo di tutto per comprendere le ragioni di questo oscuramento e di porvi rimedio” – ha affermato il direttore Corradino Mineo.  Rainews informa, inoltre, che da oggi il Canale non si chiama più Rainews24 ma solo Rainews e che, per omologare l’intera offerta aziendale, la Direzione Generale ha deciso di spostare il logo in alto a destra dello schermo. Il logo, purtroppo, risulta poco leggibile, mentre la nuova grafica impedisce, per il momento, di mandare in onda i flash, strumento indispensabile per una all news. Anche di questo ci scusiamo con gli utenti”.

Potete dire la vostra sul loro blog cliccando qui.

Affittopoli: il vice Ministro Castelli paga 600 euro al mese di affitto per una casa Enasarco a villa Pamphili a Roma

18/05/2010 alle 09:49 | Pubblicato su cronaca, politica | 4 commenti
Tag: , , , , , , , , , , , , ,

Il viceministro Castelli paga all’Enasarco, l’ente previdenziale degli agenti di commercio, 600 euro di affitto al mese per un appartamento in una strada elegante ed alberata a ridosso di Villa Doria Pamphili. Per avere un metro di confronto: all’Esquilino, zona semicentrale, per una cantina di 10 metri quadri si pagano 300 euro.

L’altro vantaggio per il vice ministro Castelli consiste nel diritto di prelazione per l’acquisto dell’appartamento a un prezzo stracciato. E non nel 2050, ma subito o quasi. L’ente sta avviando le procedure di vendita sulla base di una delibera di cessione dell’intero patrimonio immobiliare approvata dal consiglio di amministrazione nella seduta del 18 settembre 2008. Sarà un’operazione gigantesca: 2 milioni e 300 mila metri quadrati sul mercato, un affare su cui si stanno fiondando in molti, in grado di condizionare le quotazioni immobiliari nella Capitale e in parte anche a livello nazionale.

Tra i vip che pagano una miseria di affitto ci sono altri nomi eccellenti: Elio Vito (Pdl), ministro per i Rapporti con il Parlamento, Massimo Sessa, stretto collaboratore al Consiglio superiore dei Lavori pubblici di Angelo Balducci, quello della “cricca” del costruttore Diego Anemone. E poi: la signora Gioia Rabà, moglie del sindacalista Uil Brunetto Boco che allo stesso tempo è anche presidente dell’Enasarco, Girolamo Sirchia, ministro della Sanità nel passato governo di Silvio Berlusconi, Donato Bonanni, figlio di Raffaele, segretario della Cisl, Benedetto Adragna (Pd), senatore e questore di Palazzo Madama, l’ex presidente del Perugia calcio, Luciano Gaucci, il fantomatico agente segreto Pio Pompa, quello dei dossier anti-Prodi.

Il canone del ministro Vito è di 1.600 euro per una casa, più una cantina, più un box a Ponte Milvio, in una zona di pregio a nord della Capitale. L’alto dirigente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, Massimo Sessa, abita per 1.250 euro un appartamento di lusso alle spalle di Villa Torlonia, in un quartiere costellato di sedi di ambasciate e ville liberty. Nello stesso palazzo, ma in una posizione ancora più prestigiosa, all’attico, ha preso casa la moglie del presidente Enasarco, signora Rabà. Paga 1.600 euro al mese e in dotazione ha anche un box. Ancora: ha una casa Enasarco Girolamo Sirchia, il padre della legge antifumo, ministro della Sanità del passato governo Berlusconi, condannato di recente anche in appello per appropriazione indebita, 300 mila franchi svizzeri sottratti alla fondazione “Il sangue”, di cui era tesoriere. Paga 1.500 euro al mese per un appartamento sulla Nomentana. Luciano Gaucci e Pio Pompa abitano in un’altra zona della città, a ridosso della ex Fiera di Roma, e sono vicini di casa. Gaucci occupa il primo piano e paga circa 700 euro al mese, Pompa sta al secondo. Abitano vicino anche Donato Bonanni e il senatore Adragna che hanno preso nella zona del Foro Italico. Bonanni, però, ad un canone di circa 1.000 euro al mese, Adragna solo 600.

da Il Fatto Quotidiano 18/05/2010 di Daniele Martini

Pagina successiva »


Entries e commenti feeds.